Passa ai contenuti principali

Un particolare inedito nella cover di And Winter Came…

sf_horse
La foto che vedete qui a sinistra è una stampa realizzata da Simon Fowler intitolata Horse (acquistabile sul sito del fotografo inglese Smile o Frown dove troverete altre sue opere). Nella foto avrete sicuramente riconosciuto il cavallo presente sulla cover di And Winter Came… rappresentante Boreas, il Dio greco del vento del Nord e portatore dell’inverno; è lo stesso della stampa con la semplice variante di essere stato ribaltato specularmente e colorato diversamente (in questo caso frutto del lavoro del famoso studio londinese di graphic e_AWCdesign  Stylorouge che – come Fowler – nel corso degli ultimi vent’anni ha collaborato più volte con il trio). Dopo questa premessa veniamo alle cose concrete perché la cosa che ho personalmente scoperto riguardo al cavallo Boreas è davvero interessante in quanto quello riprodotto non è un semplice cavallo… Qualche mese fa studiando storia dell’arte italiana una celebre opera ha catturato la mia attenzione: si tratta del monumento equestre bronzeo di Bartolomeo Colleoni (1395/1400-1475), condottiero italiano del XV Bartolomeo_Colleoni_Andrea_Verrocchio_laterale_sinistra_01secolo (per maggiori info in italiano su questo personaggio cliccate qui; in inglese qui, in spagnolo qui), realizzato dall’artista fiorentino Andrea di Michele di Francesco di Cione detto Il Verrocchio (1436-1448) (per maggiori info sull’artista in italiano cliccate qui; in inglese qui; in spagnolo qui). L’opera, realizzata tra il 1480 e il 1483, si trova a Venezia in campo Santi Giovanni e Paolo (San Zanipolo in veneziano) sul lato destro dell’omonima basilica dedicata ai due santi su cui si apre la piazza. Ebbene il cavallo in questione è quasi identico a quello immortalato da Fowler per la coverAWC_London_launch_party dell’album And Winter Came… Prima però di analizzare nel dettaglio le somiglianze – così come le differenze – che intercorrono tra l’originale del Verrocchio e la copia di Fowler, preciso che non so con certezza a quale fonte il fotografo abbia attinto per il suo Horse: posso ipotizzare che Fowler abbia avuto sottocchio una copia del monumento equestre in questione a Londra o nei dintorni, cosa molto probabile visto che molte opere italiane nel corso dei secoli sono state oggetto di riproduzione più o meno fedeli o reinterpretate secondo il gusto dell’epoca o del committente; non escludo che possa trattarsi di una riproduzione in scala e fotografata in studio visto che durante il lancio dell’album a Londra era presente un cavallo a dimensione naturale (foto a destra). Tra le somiglianze che ho riscontrato tra l’originale e la copia ci sono i finimenti che ornano il cavallo sul petto e lungo i fianchi:

Bartolomeo_Colleoni_Andrea_Verrocchio_laterale_sinistra_particolare
e_AWC_hr_particolare

Come potete osservare dalle due foto questo dettaglio è pressoché identico; il numero degli elementi borchiati è lo stesso: una al centro sul petto, tre lungo il collo, due sulla coscia (che ovviamente si ripetono sul fianco destro per una questione di simmetria). Nell’opera del Verrocchio gli elementi borchiati rappresentano elementi zoomorfi e, da quel che ho potuto osservare da una foto in alta risoluzione, sembrerebbe trattarsi di teste leonine, mentre nel caso della cover di And Winter Came… quest’ultime sono state ridotte a semplici borchie circolari. La stessa semplificazione nella decorazione dei finimenti avviene lungo le fasce orizzontali e verticali dove nell’esempio verrocchiano compaiono elementi vegetali (presenti anche sulle briglie) che in Horse/Boreas scompaiono del tutto. Altro dettaglio simile è la criniera del cavallo:

Bartolomeo_Colleoni_Andrea_Verrocchio_laterale_sinistra_testae_AWC_hr_testa

L’acconciatura del cavallo a sinistra appare più ricca rispetto a quella a destra. Nel primo caso infatti, ai lati della criniera centrale si dispongono dei ciuffi arricciati ricadenti lungo il collo; nel secondo invece è ridotta alla sola criniera centrale. Inoltre in entrambi i casi al centro della testa, tra le due orecchie, vi è un ciuffo annodato che se nel cavallo del Verrocchio è ben visibile e appare prominente, poiché la testa del cavallo è leggermente reclinata verso sinistra (grazie anche all’angolazione da cui è stata scattata la foto), in Horse/Boreas questa è poco visibile perché la testa è rappresentata frontalmente. Stesso discorso per la coda:

Bartolomeo_Colleoni_Andrea_Verrocchio_laterale_sinistra_codae_AWC_hr_coda

L’acconciatura di entrambe è simile, direi quasi sovrapponibile; ciò che le differenzia è la dimensione e la posizione: la prima appare più infoltita alla base e collocata più in basso rispetto alla seconda. Veniamo infine alla posizione delle zampe:

Bartolomeo_Colleoni_Andrea_Verrocchio_laterale_sinistra_zampesf_horse_zampe

Come si può facilmente notare nel monumento equestre di Bartolomeo Colleoni le zampe indicanti il movimento sono quelle sul lato sinistro con la zampa anteriore sollevata, cosa che invece in Horse/Boreas avviene sul lato opposto e in maniera differente (la stampa di Fowler è stata volutamente ribaltata nella stessa direzione del monumento). Nel cavallo del Verrocchio il movimento del destriero è concitato, in quanto raffigurato in piena azione come fosse sul campo di battaglia assieme al suo fiero e impettito condottiero; al contrario in quello immortalato dal fotografo inglese, ed impiegato per la cover di And Winter Came…, il movimento è più pacato quasi fosse un cavallo al trotto, più adatto ad impersonare Boreas, il Dio greco del vento del Nord.
Lo sapevate che… inizialmente Boreas fu rappresentato come cavallo ma in seguito assunse sembianze umane? In versione antropomorfa le sue caratteristiche distintive sono le ali in corrispondenza delle spalle o ai piedi; il viso è caratterizzato dalla presenza di una folta barba e da una lunga chioma scompigliata. In altri casi il vento del Nord, e i tre restanti, sono semplicemente raffigurati da delle facce con entrambe le guance gonfie intente a soffiare, mentre i venti intermedi con una sola guancia gonfia (con l’una o con l’altra soffiante). Nella foto in basso un particolare della Torre dei Venti ad Atene (50 a.C.) con la figura alata di Boreas.

Tower_of_the_Winds_frieze_detail

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione del 30° anniversario di Shepherd Moons

  Ieri pomeriggio la pagina FB ufficiale ha dato notizia della celebrazione per oggi del 30° anniversario dall'uscita dell'album Shepherd Moons (1991) .  Come già avvenuto l'anno scorso per il 20° anniversario A Day Without Rain (2020)  la celebrazione avverrà sul canale ufficiale della cantante  EnyaTV (YouTube)  con un "watch party" che prenderà avvio dalle ore 14:30 BST (British Summer Time, le ore 15:30 in Italia).  Nell'annuncio, che trovate subito sotto, non si è fatta menzione su ciò che verrà mostrato; probabilmente si tratterà dei video relativi ai singoli estratti dall'album quali  Caribbean Blue  (1991),  How Can I Keep from Singing?  (1991)  Book of Days  (1992) e  Marble Halls  (1994) e forse nella pubblicazione di materiale inedito.  Link diretto all'evento su YouTube Enya - Shepherd Moons 30th Anniversary Watch Party Fonti:  Enya (official FB page) ,  EnyaTV (YouTube)

Il video "ufficiale" di Watermark

Nel pomeriggio di ieri alle ore 17:30 (ora locale italiana) sul canale ufficiale  YouTube   di Enya  è stato pubblicato il video "ufficiale" di Watermark . Siamo rimasti un po' perplessi - come del resto molti fan di lunga data - del rilascio di questo video. Era davvero necessario fare un video a 33 anni dalla pubblicazione dell'album che ha reso celebre la cantante irlandese nel mondo? No, non era proprio il caso.  Il video mostra i bellissimi panorami della terra di smeraldo girati mediante l'ausilio di un drone; fin qui tutto bene senonché si è deciso di utilizzare come effetto di transizione l'effetto pittura già visto e abbondantemente utilizzato in Orinoco Flow , Caribbean Blue  e Book of Days . Nel video vengono inoltre mostrate cartine dell'Irlanda (tra cui quella della contea del  Donegal , la contea originaria della famiglia di Enya ) e questo ha subito rimandato al lyric video di May It Be .  Sarebbero bastate le sole immagini girate dal drone

20° anniversario di May It Be

Giovedì scorso sui canali social della cantante si dava notizia della celebrazione del 20° anniversario dall'uscita di May It Be  e della prossima ristampa in vinile del singolo. Brano portante della colonna sonora del primo film della trilogia tolkeniana   The Lord of the Rings - The Fellowship of the Ring  (2001) diretto da Peter Jackson , il singolo fu rilasciato nel 2002.  La canzone - che contiene parti di testo in inglese e parti in una fittizia lingua elfica ( Quenya ) inventata da J.R.R. Tolkien  - raggiunse la vetta nella classifica dei singoli tedeschi nel 2002 e ricevette ben tre nomination ( Academy Award for Best Original Song ,  Golden Globe Award for Best Original Song   e  Grammy Award for Best Song Written for Visual Media ) e vinse due premi ( the Las Vegas Film Critics Society Award for Best Song , Critics' Choice Movie Award for Best Song ). Il 24 Marzo 2002 Enya  ebbe l'onore di esibirsi live alla 74 edizione degli Academy Awards svoltasi nel  Kodak