Passa ai contenuti principali

Nuovo album in arrivo

Coming Soon
Dopo 7 anni di silenzio finalmente ci siamo. Il 16 settembre scorso il sito ha dato segni di vita: una semplice schermata blu con il logo di Enya in bianco (e che ricorda tanto l'era Shepherd Moon, anche per la scelta del logo utilizzato); i campi in cui registrare i propri dati personali e la propria mail per ricevere news, e - novità - la connessione con i social media (Facebook, Twitter, Instagram, YouTube, AppleSpotify e Soundcloud). Per la verità Facebook e YouTube erano già stati utilizzati per la promozione dei due ultimi lavori And Winter Came (2008) e The Very Best of Enya (2009), mentre nuova - e più al passo con i tempi - è l'aggiunta di Twitter, Instagram, Apple, Spotify e Soundcloud. Tramite Soundcloud è possibile ascoltare 23" del brano apripista - ed ancora senza titolo - di questa nuova era. Il tutto è stato ovviamente orchestrato dalla casa discografica (la Warner Bros), che per questo nuovo lavoro della cantante irlandese ha reputato necessario muoversi in questa direzione.
Dublino, Henrietta Street
The Honorable Society of King's Inns
A partire dal 17 settembre per il web sono comparse alcune foto relative al lancio dell'album (cena e ascolto dell'album riservato a pochi intimi) tenutosi a Dublino. Come location dell'evento è stato scelto un edificio situato al n°1 di Henrietta Street; l'edificio in questione, datato al XVIII secolo, ospita il The Honorable Society of King's Inns, istituzione risalente al 1541, e sede della più antica Scuola di Giurisprudenza di Irlanda. In sostanza nulla di nuovo per questo lancio che dal punto di vista promozionale non si discosta da quelli precedenti.
Il lancio dell'album all'interno de The Honorable Society of King's Inns

Tre giorni dopo sul forum ufficiale è arrivata conferma da Roma Ryan (tramite moderatore globale) del testo dell'assaggio di 23" ascoltabile sul sito ufficiale; a partire, infatti, dalla messa on-line dello snippet del brano i fan hanno dato il via a possibili ricostruzioni del testo (e interpretazioni sul senso di ciascuna delle quattro frasi). Qui di seguito il testo confermato:

And all the winds are like a kiss
And all the years are nemesis
And all the moments fall in mist
And all is dust, remember this...

Considerazioni al riguardo? Anche se l'assaggio concessoci è poco per un'analisi dettagliata ciò che ci si può permettere di dire è che ci troviamo davanti a qualcosa di già sentito, insomma il tipico sound "enyatico". Sicuramente avremo modo di ascoltare questo nuovo singolo nella sua interezza entro la prima decade di ottobre per poi giungere alla pubblicazione dell'album per metà/fine novembre o inizi di dicembre.

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione del 30° anniversario di Shepherd Moons

  Ieri pomeriggio la pagina FB ufficiale ha dato notizia della celebrazione per oggi del 30° anniversario dall'uscita dell'album Shepherd Moons (1991) .  Come già avvenuto l'anno scorso per il 20° anniversario A Day Without Rain (2020)  la celebrazione avverrà sul canale ufficiale della cantante  EnyaTV (YouTube)  con un "watch party" che prenderà avvio dalle ore 14:30 BST (British Summer Time, le ore 15:30 in Italia).  Nell'annuncio, che trovate subito sotto, non si è fatta menzione su ciò che verrà mostrato; probabilmente si tratterà dei video relativi ai singoli estratti dall'album quali  Caribbean Blue  (1991),  How Can I Keep from Singing?  (1991)  Book of Days  (1992) e  Marble Halls  (1994) e forse nella pubblicazione di materiale inedito.  Link diretto all'evento su YouTube Enya - Shepherd Moons 30th Anniversary Watch Party Fonti:  Enya (official FB page) ,  EnyaTV (YouTube)

Il video "ufficiale" di Watermark

Nel pomeriggio di ieri alle ore 17:30 (ora locale italiana) sul canale ufficiale  YouTube   di Enya  è stato pubblicato il video "ufficiale" di Watermark . Siamo rimasti un po' perplessi - come del resto molti fan di lunga data - del rilascio di questo video. Era davvero necessario fare un video a 33 anni dalla pubblicazione dell'album che ha reso celebre la cantante irlandese nel mondo? No, non era proprio il caso.  Il video mostra i bellissimi panorami della terra di smeraldo girati mediante l'ausilio di un drone; fin qui tutto bene senonché si è deciso di utilizzare come effetto di transizione l'effetto pittura già visto e abbondantemente utilizzato in Orinoco Flow , Caribbean Blue  e Book of Days . Nel video vengono inoltre mostrate cartine dell'Irlanda (tra cui quella della contea del  Donegal , la contea originaria della famiglia di Enya ) e questo ha subito rimandato al lyric video di May It Be .  Sarebbero bastate le sole immagini girate dal drone

20° anniversario di May It Be

Giovedì scorso sui canali social della cantante si dava notizia della celebrazione del 20° anniversario dall'uscita di May It Be  e della prossima ristampa in vinile del singolo. Brano portante della colonna sonora del primo film della trilogia tolkeniana   The Lord of the Rings - The Fellowship of the Ring  (2001) diretto da Peter Jackson , il singolo fu rilasciato nel 2002.  La canzone - che contiene parti di testo in inglese e parti in una fittizia lingua elfica ( Quenya ) inventata da J.R.R. Tolkien  - raggiunse la vetta nella classifica dei singoli tedeschi nel 2002 e ricevette ben tre nomination ( Academy Award for Best Original Song ,  Golden Globe Award for Best Original Song   e  Grammy Award for Best Song Written for Visual Media ) e vinse due premi ( the Las Vegas Film Critics Society Award for Best Song , Critics' Choice Movie Award for Best Song ). Il 24 Marzo 2002 Enya  ebbe l'onore di esibirsi live alla 74 edizione degli Academy Awards svoltasi nel  Kodak