Passa ai contenuti principali

Enya a Tokyo per la cena di beneficenza

Dopo la parentesi americana della settimana scorsa che l'ha vista partecipare a diversi show televisivi (tra esibizioni live ed interviste), Enya è giunta in Giappone. La cantante è stata invitata per partecipare ad una cena di beneficenza in favore dei bambini vittime del terremoto - con conseguente devastante tsunami - che ha colpito il Giappone l'11 marzo del 2011. Prima di parlarne in dettaglio vediamo cosa è successo al momento del suo arrivo in terra nipponica.

Domenica 20 marzo
A Tokyo si è tenuta la conferenza stampa che ha visto Enya partecipare al fianco dell'ex golfista sud-africano Gary Player, colui che ha voluto questo evento benefico (che tra l'altro porta il suo nome, The Gary Player Invitational, SOK* Japan). La cosa che rimarrà impressa di questa conferenza sono sicuramente le varie foto in cui si vede Gary Player prendere in braccio una sorpresa/spaventata Enya; un momento davvero divertente e irripetibile. Vi postiamo la foto "simbolo", mentre per le altre vi invitiamo a cliccare sui link che trovate subito dopo.
*SOK sta per Support Our Kids

Link diretto: Gary Player holds Irish singer Enya at charity golf event
Altre foto sono disponibili anche sul sito Newscom Image; una volta giunti sul sito digitate nell'apposito box  Enya; vi compariranno tutte le ultime foto comprese anche quelle relative all'evento.

Martedì 22 marzo
Nella serata di ieri presso il Grand Prince Hotel New Takanawa di Tokyo si è svolta la cena di beneficenza The Gary Player Invitational, SOK Japan. Grazie a due fans italiani lì presenti è stato possibile seguire lo svolgimento dell'intero evento via facebook. Enya si è presentata alla cena con un aderente vestito rosso corallo a maniche lunghe per poi cambiarsi con un lungo ed elegante abito nero. In veste di banditrice d'asta Enya ha messo in vendita due sue premi conferitegli dalla Warner due anni fa: si trattava di due quadri con incorniciati gli album Amarantine e And Winter Came... (due premi relativi alle vendite dei rispettivi album). Oltre a questi sono stati messi all'asta il microfono con cui ha registrato May It Be ed anche il vestito nero di Louise Kennedy che ha indossato per il resto della serata (quest'ultimo battuto a ¥ 1.000,000 pari a € 7.943,571) per un totale di 18 oggetti appartenenti alla cantante. Subito dopo le varie aste c'è stata l'esibizione. Differentemente da quanto riportato dai media Enya non si è esibita solo con Echoes In Rain; per l'occasione sono state infatti eseguite anche Orinoco Flow e So I Could Find My Way (tutte e tre in playback). Il totale raccolto durante la cena è stato di ¥ 9.284,000 pari a € 73.820,029.

Una selezione di alcune foto scattate da Francesco Mosele














Alcune foto dell'evento presenti su Newscom Image

Enya at 'The Gary Player Invitational, SOK Japan' charity auction dinner, Tokyo
Pubblicato da Enya - Sail Away su Martedì 22 marzo 2016

Francesco Mosele, uno dei due fans italiani che ha partecipato alla cena, ha avuto inoltre l'opportunità di scambiare qualche parola sia con Nicky che con Enya. Questo è ciò che ci ha riferito sulla nostra pagina facebook Enya - Sail Away:

Nicky ha detto che le versioni orchestrali delle canzoni NON saranno come quelle fatte dalla Taliesin orcherstra (pur apprezzandole), ma per lui sono troppo semplice per quello che enya ha in mente. Lei invece saluta i fan italiani ringraziando per la pazienza e dedizione nel seguirla!

Dalla breve chiacchierata con Nicky si evince che in cantiere c'è qualcosa di concreto. Non un tour (cosa che già sapevamo), ma molto probabilmente una registrazione orchestrale dei brani a cui stanno lavorando; qualcosa quindi di più fattibile. Del resto una spia in questa direzione si è resa evidente nei video ufficiali, che tanto hanno fatto storcere il naso, dalle parole dello stesso Nicky rilasciate ultimamente, e non solo. Le ultime esibizione live sul suolo americano infatti ci hanno mostrato una Enya molto più sicura (e convincente) sotto questo punto di vista.

Un ringraziamento speciale a Francesco Mosele e Alessio Biancardo per la cronaca in presa diretta e le foto. Grazie anche a Evan Ren per alcune precisazioni.

Fonti: Enya - Sail Away (pagina FB), Enya.skGetty ImagesLouise Kennedy, Newscom Image, OK MusicWikipedia

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione del 30° anniversario di Shepherd Moons

  Ieri pomeriggio la pagina FB ufficiale ha dato notizia della celebrazione per oggi del 30° anniversario dall'uscita dell'album Shepherd Moons (1991) .  Come già avvenuto l'anno scorso per il 20° anniversario A Day Without Rain (2020)  la celebrazione avverrà sul canale ufficiale della cantante  EnyaTV (YouTube)  con un "watch party" che prenderà avvio dalle ore 14:30 BST (British Summer Time, le ore 15:30 in Italia).  Nell'annuncio, che trovate subito sotto, non si è fatta menzione su ciò che verrà mostrato; probabilmente si tratterà dei video relativi ai singoli estratti dall'album quali  Caribbean Blue  (1991),  How Can I Keep from Singing?  (1991)  Book of Days  (1992) e  Marble Halls  (1994) e forse nella pubblicazione di materiale inedito.  Link diretto all'evento su YouTube Enya - Shepherd Moons 30th Anniversary Watch Party Fonti:  Enya (official FB page) ,  EnyaTV (YouTube)

Il video "ufficiale" di Watermark

Nel pomeriggio di ieri alle ore 17:30 (ora locale italiana) sul canale ufficiale  YouTube   di Enya  è stato pubblicato il video "ufficiale" di Watermark . Siamo rimasti un po' perplessi - come del resto molti fan di lunga data - del rilascio di questo video. Era davvero necessario fare un video a 33 anni dalla pubblicazione dell'album che ha reso celebre la cantante irlandese nel mondo? No, non era proprio il caso.  Il video mostra i bellissimi panorami della terra di smeraldo girati mediante l'ausilio di un drone; fin qui tutto bene senonché si è deciso di utilizzare come effetto di transizione l'effetto pittura già visto e abbondantemente utilizzato in Orinoco Flow , Caribbean Blue  e Book of Days . Nel video vengono inoltre mostrate cartine dell'Irlanda (tra cui quella della contea del  Donegal , la contea originaria della famiglia di Enya ) e questo ha subito rimandato al lyric video di May It Be .  Sarebbero bastate le sole immagini girate dal drone

20° anniversario di May It Be

Giovedì scorso sui canali social della cantante si dava notizia della celebrazione del 20° anniversario dall'uscita di May It Be  e della prossima ristampa in vinile del singolo. Brano portante della colonna sonora del primo film della trilogia tolkeniana   The Lord of the Rings - The Fellowship of the Ring  (2001) diretto da Peter Jackson , il singolo fu rilasciato nel 2002.  La canzone - che contiene parti di testo in inglese e parti in una fittizia lingua elfica ( Quenya ) inventata da J.R.R. Tolkien  - raggiunse la vetta nella classifica dei singoli tedeschi nel 2002 e ricevette ben tre nomination ( Academy Award for Best Original Song ,  Golden Globe Award for Best Original Song   e  Grammy Award for Best Song Written for Visual Media ) e vinse due premi ( the Las Vegas Film Critics Society Award for Best Song , Critics' Choice Movie Award for Best Song ). Il 24 Marzo 2002 Enya  ebbe l'onore di esibirsi live alla 74 edizione degli Academy Awards svoltasi nel  Kodak