Passa ai contenuti principali

Touch Travel (1984)

Touch Travel è una compilation (rilasciata solo nel formato musicassetta) che contiene musica di diversi artisti. All'interno sono presenti anche due brani strumentali di Enya che qui utilizza ancora il nome di battesimo (Eithne Ní Bhraonáin): si tratta di An Ghaoth ón Ghrian (The Solar Wind) (2:04) (piano e sintetizzatore) e di Miss Clare Remembers (2:02) (piano); quest’ultimo sarà ripreso ed in parte modificato per essere poi incluso nell'album Watermark (1988). Entrambe le tracce furono prodotte da Nicky Ryan e registrate negli Windmill Lane Studios di Dublino nel 1983. Di questa compilation furono stampate circa 5000 copie. Sul libretto pieghevole sono riportate la tracklist e brevi info sulle canzoni (credits e note). Alcune musicassette recanti solo il marchio Maxwell furono distribuite erroneamente durante la produzione o ristampate senza l’usuale etichetta Touch (foto in alto a destra). 

TRACKLIST

Side 1:
  1. Eithne Ní Bhraonáin - An Ghaoth ón Ghrian (The Solar Wind) 
  2. Scene Two 
  3. General Strike - My Other Body 
  4. Clockface 
  5. Frank Ricotti & Brian Gulland - Journey 
  6. Swastika Bells 
  7. 1000 Mexicans - Trans-Astrakhan (Seeing The World) 
  8. Body Talk 
  9. Old Silk Route - Pig Slaughter 
  10. 3 Mustaphas 3 - Bam/Tsifteteli 
  11. Quimantú - Interview with Sergio Avila/The Zampona 
  12. Yanomamö Shamanism 
  13. Köln Peals 
  14. Old Silk Route - Mule Bells 
  15. Eithne Ní Bhraonáin - Miss Clare Remembers

Side 2:
  1. 33 - Notes From The Underground 
  2. Andrew Poppy - But Does Winston Own A Straw Hat (Part 2) 
  3. Scratch 
  4. General Strike - Snowdrops 
  5. Quimantú - Despedida De Salta 
  6. Jon Keliehor - The Percussion Research Ensemble: Trance Formations 
  7. Piedro Insipiedo - Creature Loves Sun 
  8. Corrugated Rain 
  9. Cremation Gamelan - Fire Over Peliatan 
  10. Jah Wobble's Invaders Of The Heart - Tribal 
  11. Mind The Gap

Fonte: The Enya.com Discography (sito non più raggiungibile)

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione del 30° anniversario di Shepherd Moons

  Ieri pomeriggio la pagina FB ufficiale ha dato notizia della celebrazione per oggi del 30° anniversario dall'uscita dell'album Shepherd Moons (1991) .  Come già avvenuto l'anno scorso per il 20° anniversario A Day Without Rain (2020)  la celebrazione avverrà sul canale ufficiale della cantante  EnyaTV (YouTube)  con un "watch party" che prenderà avvio dalle ore 14:30 BST (British Summer Time, le ore 15:30 in Italia).  Nell'annuncio, che trovate subito sotto, non si è fatta menzione su ciò che verrà mostrato; probabilmente si tratterà dei video relativi ai singoli estratti dall'album quali  Caribbean Blue  (1991),  How Can I Keep from Singing?  (1991)  Book of Days  (1992) e  Marble Halls  (1994) e forse nella pubblicazione di materiale inedito.  Link diretto all'evento su YouTube Enya - Shepherd Moons 30th Anniversary Watch Party Fonti:  Enya (official FB page) ,  EnyaTV (YouTube)

Il video "ufficiale" di Watermark

Nel pomeriggio di ieri alle ore 17:30 (ora locale italiana) sul canale ufficiale  YouTube   di Enya  è stato pubblicato il video "ufficiale" di Watermark . Siamo rimasti un po' perplessi - come del resto molti fan di lunga data - del rilascio di questo video. Era davvero necessario fare un video a 33 anni dalla pubblicazione dell'album che ha reso celebre la cantante irlandese nel mondo? No, non era proprio il caso.  Il video mostra i bellissimi panorami della terra di smeraldo girati mediante l'ausilio di un drone; fin qui tutto bene senonché si è deciso di utilizzare come effetto di transizione l'effetto pittura già visto e abbondantemente utilizzato in Orinoco Flow , Caribbean Blue  e Book of Days . Nel video vengono inoltre mostrate cartine dell'Irlanda (tra cui quella della contea del  Donegal , la contea originaria della famiglia di Enya ) e questo ha subito rimandato al lyric video di May It Be .  Sarebbero bastate le sole immagini girate dal drone

20° anniversario di May It Be

Giovedì scorso sui canali social della cantante si dava notizia della celebrazione del 20° anniversario dall'uscita di May It Be  e della prossima ristampa in vinile del singolo. Brano portante della colonna sonora del primo film della trilogia tolkeniana   The Lord of the Rings - The Fellowship of the Ring  (2001) diretto da Peter Jackson , il singolo fu rilasciato nel 2002.  La canzone - che contiene parti di testo in inglese e parti in una fittizia lingua elfica ( Quenya ) inventata da J.R.R. Tolkien  - raggiunse la vetta nella classifica dei singoli tedeschi nel 2002 e ricevette ben tre nomination ( Academy Award for Best Original Song ,  Golden Globe Award for Best Original Song   e  Grammy Award for Best Song Written for Visual Media ) e vinse due premi ( the Las Vegas Film Critics Society Award for Best Song , Critics' Choice Movie Award for Best Song ). Il 24 Marzo 2002 Enya  ebbe l'onore di esibirsi live alla 74 edizione degli Academy Awards svoltasi nel  Kodak